FAQ

6 Nations Raid Trieste-Tirana

the original one

domande e risposte...


varie di queste informazioni sono utili e valide anche per i viaggi in Tunisia, infatti ne suggeriamo la lettura ai nostri viaggiatori sahariani. I nostri viaggi nel deserto li trovate qui.


Questo è un raid difficile?



Domanda da un milione di euro. Nel dubbio... DICIAMO DI SI'. E' UN RAID IMPEGNATIVO, riservato a chi ha esperienza. Come di dice: "uomo avvisato mezzo salvato" :-) . In questo modo l'Organizzazione si tutela.


Detto questo, vado a spiegare meglio come stanno le cose. Io personalmente non lo trovo difficile o troppo faticodo, ma sono abituato a questo tipo di raid e sto molte ore in moto senza "soffrire". E NON sono certo un pilota bravo (NON ho un passato sportivo di cross-enduro e menchè meno agonistico!). E ho una moto molto vecchia e molto scomoda, senza protezione erodinamica, senza sospensioni attive o abs o altro... che accelera poco e frena molto meno.


La DIFFICOLTA' dei raid sta PRINCIPALMENTE nella lunghezza delle tappe... che NON danno grandi margini di tempo se succede qualcosa. Questo significa che finchè fila tutto liscio come l'olio, le giornate sono giustamente piene ma si riesce ad arrivare per cena a fine tappa (e magari c'è anche il tempo per la doccia pre-cena).


MA ATTRAVERSANDO ZONE REMOTE, poco o per nulla abitate e prive di servizi / copertura telefonica o altro... nel caso ci siamo problemi allora la faccenda diviene SERIA. Anche il più piccolo inconveniente che prenda 1, 2.... 4 ore per essere risolto, causa un conseguente ritardo. Logico. Quindi se succede qualche casino, salta la doccia... la cena... o anche il pernottamento. IN QUATTORDICI EDIZIONI non abbiamo mai dormito all'addiaccio nei monti... ma certamente è POSSIBILE che cio accada.


Oltre all'impegno dovuto alla lunghezza delle tappe, ci sono dei tratti OFFROAD RELATIVAMENTE impegnativi (SPECIALMENTE IN ALBANIA MA ANCHE IN ISTRIA). RELATIVAMENTE cosa significa: che se siete piloti abbastanza esperti, per voi saranno tratti simpatici ma se siete piloti di livello medio (e la media al giorno d'oggi è abbastanza BASSA) ci sarà certamente qualche momento di stanchezza o di sconforto. E' normale... in fondo partecipando a un RAID come questo, la cosa più interessante è che si va a verificare o spostare i propri limiti... NON è che si va a fare una vacanza a guardare panorami o fare il tour dei ristoranti...


Se piove poi tutto si complica... ovvio. Il terreno comunque è al 95% carsico qundi beve e non forma fangaie...


PS: SE SEI UN PILOTA ABBASTANZA ESPERTO E RESISTENTE, PER TE QUESTO RAID SARA' FACILE. LO SOTTOLINEO IN  MODO CHE POI ALLA FINE QUALCUNO NON MI DICA "EH SI MA ERA TROPPO FACILE... " (secondo me E' facile ma poi quando lo proponevo come raid facile alla fine qualcuno si incazzava... che per lui era difficile). E che cavolo....


Da dove "origina" questo raid?



Domanda interessante. Ci sono molti organizzatori che propongono i Balcani, alcuni da tempo mentre molti altri si sono "riciclati" o re-inventari dopo le crisi politiche e sociali che hanno reso alcune destinazioni meno invitanti (Tunisia) e altre del tutto impossibili (Libia per fare un esempio). Noi frequentiamo e proponiamo i Balcani dal 1996. Per chi vuole approfondire la storia del 6 Nations, la trova qui.


Se non mi trovo a mio agio nel percorso OFF posso proseguire per asfalto?



Certamente! Se non ti trovi bene nel senso che il percorso per te è impegnativo, e hai voglia di asfalto... puoi farlo, ci mancherebbe! Il tour leader al briefing serale o mattutino vi dirà come sono i pecorsi, in quanto ogni giorno le difficoltà solo maggiori o minori, ovviamente non ci sono due tappe uguali. In questo modo potreste scegliere nel migliore dei modi. OVVIAMENTE IL CONCETTO DI DIFFICOLTà E' MOLTO RELATIVO E DIPENDE DALLA VOSTRA ABILITà ALLA GUIDA...


Mi hanno detto dei partecianti che che le sistemazioni sono un poì scarsine, è vero?



Aha... penso di aver capito a quale edizione ti rferisci. Devi sapere che è stata una edizione che abbiamo realizzato sotto il numero minimo... da un punto di vista economico non avremmo nemmeno dovuto realizzarla! Siamo stati così costretti a scegliere delle sistemazioni più economiche e semplici del solito. L'alternativa (certamente meno piacevole per i pochi iscritti) era annullare la partenza, invece è stato un viaggio duro ma stupendo. AD OGNI MODO anche nelle edizioni con partecipanti in numero sufficiente, le sistemazioni sono USUALMENTE (non tutte) abbastanza spartane. Chi preferisce quacosa di più alto, può chiedere un UPGRADE a strutture anche a 4 o 5 stelle ove disponibili.... pagandosi la differenza.


La mia moto è adatta a questo raid? servono preparazioni particolari?


Ovviamente qui devo dare una risposta generica. Comincio dalla seconda domanda: NON servono preparazionio particolari, basta una moto in ordine, con gomme TASSELLATE.  Come tipo di moto, se hai una Africa Twin nuova o vecchia, una BMW GS nuova o vecchia, vanno benissimo. Come anche una SuperTenere ma non dimentichiamo una Guzzi Stelvio o moto simili. Discorso opposto per i monocilindrici:  loro avranno  estrema facilità a fare il pecorso  off road (che appunto è un classico percorso da big twin) ma soffriranno un po' di più sui trasferimenti asfaltati e magari sul ritorno Tirana Trieste se non si prende il traghetto. Comuque c'è chi ha fatto il raid con TT 600 o DR 350 o Husqvarna 550...


Che moto partecipano di solito?


Il partecipante "usuale" ha  moto BMW GS "moderne" (1200.... 1150 ) e Africa twin "moderna", ma non manca chi ha, come me, BMW GS o G/S 2valvole a carbutatori, o Africa Twin  d'epoca. Non mancano ovviamente le KTM bicilindriche.


 Come  si viaggia? (GPS / navigazione ecc)


I partecipanti esperti sono liberi di viaggiare usando le tracce GPS che verranno loro fornite. Chi è meno pratico e non ha voglia di occuparsi di tracce, GPS e nevigazione potrà viaggiare insieme allo Staff.


Posso partecipare con la mia passeggera?


Sì... puoi! In alune parti del percorso PERò DOVRAI SEGUIRE L'ASFALTO IN QUANTO NON SONO PERCORSI ADATTI ad essere fatti in due. Anche percheè se viaggiate in due avete doppio bagaglio da portare...


Posso partire da Ancona?


Sì... puoi! Spesso i motociclisti che vivono in centro Italia ci fanno questa domanda. Il traghetto da Ancona usualmente arriva a Spalato la mattina, puoi visitare la bella città e nel poneriggio visitare la bellissima Mostar. Noi arriveremo lì verso sera, poi la mattina dopo si prosegue insieme. Partendo da Ancona il raid costa 50€ di meno e comunque include  il pernottamento e la cena a Mostar.


Perchè bisogna partire preso di mattina? (usualmente)


Siamo ad un raid non siete qui per una settimana vacanza per tornare poi sul lavoro.... riposati. Le tappe sono spesso lunghe   e qualunque inconveniente o contrattempo può causare lunghi ritardi. Ogni ora mattutina è preziosa. Magair non partiremo all'alba (sarebbe la scelta ideale) ma comunque nemmeno alle 9! 7-7:30 a seconda dei giorni sarà l'orario standard.



Cosa succede se buco una gomma o addirittura taglio un copertone?


Ogni partecipante DEVE avere:


  • se usa tubeless:  un kit di riparazione "tubeless" (comprese dunque le piccole bombolette sotto prerssione per rigonfiare) RICORDATE CHE NON TUTTI I FORI SUI TUBELESS SONO RIPARABILI (più che fori.. tagli) quindi anche chi ha tubeless dovrebbe portarsi dietro  due camere!


  • se usa copertoni con camere: una camera d'aria anteriore e una posteriore e una POMPETTA per gonfiare (o le bombolette sotto pressione di cui al punto "tubeless").


E' MOLTO DIFFICILE reperire lungo il percorso camere d'aria. Riguardo i copertoni è praticamente impossibile. Per questo dovete venire con copertoni per raid e non roba delicata. Lo Staff avrà le leve smontagomme.


E' possibile organizzarsi in modo che magari NON tutti portino le leve o non tutti portino due camere... una anterior e una posteriore ogni 3 moto dovrebbe bastare. In emergenza sulla ruota posteriore di può montare la camera anteriore.


Se si taglia un copertone è un gran casino :-) dovete esserne coscienti.


Che ricambi devo portarmi?


Ogni partecipante, oltre le camerre d'aria e/o kit di  cui si parlava, sarebbe utile portare alcuni piccoli pezzi di ricambio "specifici" specialmente se sapete che  sono "a rischio" (alcune moto per esempio hanno dei regolatori di tensione "delicati"). Secondo me è sempre utile  portari la leva frizione e leva freno, specialmente se non avete i "paramani" quelli in versione "chiusa" sulle estremità del manubrio.  Stesso discorso al caso per un cavo acceleratore, che occupa poco posto ma ti risolve un mucchio di casini.


Cosa devo / posso portare come bagaglio?


Il bagaglio deve stare in una sacca da 30 litri (se ce l'ho fatta io ce la potete fare anche voi) e deve comprendere:


* 1 camera d'aria anteriore e 1 posteriore anche se si viaggia coi tubeless

* kit riparazione tubeless (se si viaggia coi tubeless)

* bombolette o pompa a mano per ri/gonfiare le gomme

* underwear  ridotto al MINIMO (non occorre cambiarsi le mutande due volte al giorno)

* 1 paio di calzoni  da usare la sera quando si toglie l'abbigliamento da enduro.

* giacchetta tecnica in caso di pioggia (tipo quelle che ripiegate occupano lo spazio di una lattina da mezzo litro) per la sera se non usate gicca enduro

* 4 t -shirt economiche che potrete  anche buttare  quando odorano in modo poco piacevole.  Oppure se preferite roba tecnica costosa... potete lavarla in 2 minuti nel lavandiono e la mattina dopo sarà asciutta (sperando che non   becchiamo una settiman di pioggia hehehe)

* 4 paio di calze di cotone: io propendo sempre per la eliminazione progressiva dei medesimi. Così ogni giorni viaggio più leggero

* eventuale  abbigliamento tecnico che non indossate (es: eventuae imbottiture termoche di giacca e pantaloni da enduro/viaggio)

* spazzolino  dentifricio e eventuali farmaci che si usano

* mini kit pronso soccorso

* 1 paio di guanti da moto più pesanti se fa freddo, meglio se impermeabili

* sottocasco

* 1 tuta antipioggia che occupi poco posto, non occorre portarla se il proprio abbigliamento da raid è in tessuto goretex se siete benestanti o imitazione goretex se siete meno benestanti

* 1 paio di scarpe che occupino meno spazio possibile (sperando che non abbiate un 47) per quanto togliete gli stivali da enduro

* 1 cavo per caricare il GSM/Smartphone in  moto

* 1 caricabatteria per GSM/Smartphone da 220V

* facoltativo 1 Smartphone di scorta


VI ASSICURO CHE TUTTA STA ROBA STA IN UNA SACCO DA 30 LITRI.... perchè è quello che porto.


Bisogna portare poi la busta degli attrezzi di serie della moto (non dimenticate chiavi speciali e torx se sono necessarie!) e una piccola borsetta tipo quella da enduro che stanno dietro il sellino, contentente i ricambi di cui si parlava al punto precedente. Io che uso moto BMW mi sono portato anche:


  1. bobina di ricambio
  2. coperchio  testa cilindro
  3. ingranaggio  del motorino di avviamento
  4. pick-up dello spinterogeno
  5. centralina
  6. cavi acceleratore e frizione
  7. leva freno e frizione


Come mai così pochi piloti sono ammessi? gli altri organizzatori fanno cavalcate con 200...


Sì è vero... ma certamente non fanno i percorsi che facciamo noi (o li fanno solo  in parte). Pensare di portare 50 moto sulla tracia  Klos Tirana ma anche in quella del primo giorno in Istria, è impensabile. Con numeri così alti le probabilità che ci sia qualche caduta o rottura crescono esponenzialmente, come anche la possibilità che qualche partecipante non sia capace di superare certi passaggi. Dieci è il numero massimo...  e puà essere già impegnativo, specialmente in caso di maltempo.  Dal punto di vista vostro (dei partecipanti),  meno siete meglio è :-)


Come  posso tornare da Tirana?


I partecipanti possono raggiungere Durazzo da cui partono frequenti traghetti per il sud e centro Italia, o anche il nord Italia (Adria Ferries va a Trieste, anche se non ogni giorno). Un'altra possibilità è  tornare a nord via asfalto, lungo la meravigliosa costiera adriatica. Questa è una scelta da tenere in considerazione se non la avete già   percorsa, essendo una delle strade più belle d'Europa!. In particolare se guidate una grosssa enduro, la strada è ideale! E' meno  fruibile se invece guidate una enduro mono, visti i km da fare.

CON UN  SUPPLEMENTO DI 100€ E' POSSIBILE PARTECIPARE ALLA TIRANA-TRIESTE, 1000km in 1 giorno,  ossia "il raid nel rais", per i più infaticabili.  LA PARTENZA AVVIENE LA MATTINA SUCCESSIVA... ALL'ARRIVO DEL 6 NATIONS A TIRANA.


Chi ha deciso il percorso?


Come potete leggere nella storia del raid, il percoso è stato inventato, testato e realizzato da Franz e Antonela dello Staff.   Si tratta quindi di un pecorso al 100% originale e non ispirato da "altri". Dobbiamo invece dire che vari altri raid  si sono "ispirati" a questo, in modo più o meno  elegante e più o meno onesto (addirittua c'era un organizzatore che proponeva un clone - riuscito male - che si chiamava 6 Nations Tour...)


Cosa succede se si rompe la moto o mi faccio male?


Nella malaugurata ipotesi che la moto abbia un guasto e non sia spostabile e/o se qualcuno si fa male,  sarà necessario reperire in loco un mezzo di soccorso, ufficiale (ove possibile, es: Europ Assistance) o privato, ove non sia possibile. TENETE CONTO CHE SPESSO CI TROVEREMO IN ZONE REMOTE DOVE I SOCCORSI NECESSITANO DI ORE E ORE PER ARRIVARE... dopo che si è riusciti a trovarli e contattarli.... quindi prudenza!!!


Cos'è questo problema delle mine? altri organizzatori non ne fanno cenno....


La Bosnia Erzegovina (BiH) è uno Stato dove ci sono ancora tantissime mine inesplose, risalenti al conflitto di inzio anni '90 relativo al disfacimento della Jugoslavia.  Anche la Croazia (cosa che tanti non sanno) ha ancòra molte mine inesplose, anche se di certo è la BiH a detenere questo triste primato. Il percorso che proponiamo lo abbiamo studiato e testato molte volte (ben oltre 10) ed è sicuro.  E' comunque importante NON uscire dalle carrarecce battute,  seguire le tracce  dell'Organizzazione e le indicazioni  dello Staff.


Altri Organizzatori non fanno cenno di questo problema secondo me semplicemente perchè lo ignorano e/o non ne hanno compreso l'importanza o per meglio dire la gravità. Oppure ancòra più grave, ne sono a conoscenza ma decidono di non parlarne ai loro "iscritti" per non spaventarli. Io penso invece che la migliore cosa sia sempre descrivere la situazione come sta realmente.  Nella foto a fianco potete vedere come in certi casi il pericolo si trovi a pochi centimetri (nemmeno metri) dalla strada percorsa.... l'Africa Twin si trova sul percorso corretto, mentre le fettuccine gialle delimitano un campo sottoposto a sminamento . Potete vedere addirittura che all'intero del campo minato c'è una traccia sterrata: ecco, quella traccia è sicura, ma fuori di essa... meglio non avventurarsi, per ovvi motivi.  Per questo sottolineo che il noostro viaggio è testato e non sono tracce gpx prese da wikiloc....


Trovo su internet dei viaggi che hanno praticamente le stesse tappe, che è sta cosa?


Questo Raid ha "ispirato" vari Organizzatori... diciamo che in giro ci sono alcuni "figli" o "fratelli" più o meno legittimi di questo raid. Stai tranquillo che questo è l'originale. Garantito :-)

by Camelus Adventures

info@camelus.it

+385 98 997 6290


Partita Iva: HR80767355699

Licenza: HR-AB-52-130041700

Assicurazione: Allianz 1500-172604886

Sede Legale: Via A. Babic 6, Buie - Croazia